progress
giardineriaspeciale hotelAllestimento giardiniIrrigazioniprogettazione giardinivasiManutenzione giardini

Stagni, stagni da nuoto e laghetti

Lo stagno: un angolo di natura

Avere uno stagno nel proprio giardino non deve essere solo una scelta estetica ma anche e soprattutto un modo per creare un rifugio per tanti piccoli animali.

Da tener presente che uno stagno, nel tempo, non richiede molto lavoro ma da non sottovalutare, un impegno costante per la cura e la manutenzione e una buona predisposizione per i lavori manuali (per es. pulizia dalle alghe).
Affinché uno stagno possa svilupparsi al meglio, bisogna però che sia concepito in modo corretto.
Questi impianti naturalistici sono adatti a tutti i giardini e sono ideali per tutti coloro che amano la serenità che la semplice vista dell'acqua, dei pesci e delle splendide piante acquatiche come le ninfee sanno donare.

Da Noi troverete tutto l’occorrente per creare il Vostro stagno:

- Pompe e filtri;
- Pesci, come Carpe Koy, Storioni e Subunky;
- Teli in PE o PVC;
- Forme varie in resina.

Laghetti:

Il laghetto naturale può migliorare la bellezza paesaggistica del Vostro giardino. Tutti gli specchi d'acqua possono essere realizzati da stampi preformati o essere posati su misura. Per fiumi e laghetti di medie-grandi dimensioni è necessario stendere un apposito telo in PVC che premette qualsiasi tipo di forma ed estensione. A tutti i laghetti si possono abbinare giochi d'acqua, cascate, fontane, piante acquatiche e pesci.

Oggi, costruire un giardino acquatico è semplice.

Le vasche rigide o semirigide permettono di creare giardini acquatici in pochi giorni di lavoro. Una volta era necessario rivestire lo scavo con il calcestruzzo che poteva creare dei problemi di perdite dovute a crepe, quest'ultime formatesi con i movimenti del suolo o con gli sforzi della dilatazione.
Esistono vari tipi di vasche:

- VASCHE RIGIDE: Le migliori vasche rigide sono quelle in plastica rigida rinforzata con fibre di vetro che risultano molto resistenti agli effetti del gelo e del ghiaccio.
Inoltre, se trattate con la massima cura prima e durante l'installazione sono praticamente a prova di foratura e spaccatura e quindi di perdite.

- VASCHE SEMIRIGIDE: Quelle in plastica stampate sotto vuoto costano di meno ma sono molto limitate sotto l'aspetto della forma e delle dimensioni.

- VASCHE FLESSIBILI: Una volta erano formate da teli di politene che erano relativamente fragili, ora invece i teli sono fatti in PVC e rinforzati con nylon che garantisce una durata per oltre 10 anni. Per chi invece vuole che il proprio laghetto abbia vita eterna consigliamo quelle con membrane di gomma sintetica a base di butile.

In ogni caso la vasca va posizionata in modo da ricevere molta luce naturale e lontana da piante, alberi o cespugli.

Le vasche con superfici sino a 9 mq devono essere profonde almeno 45 cm, mentre per vasche di più ampia metratura si può raggiungere la profondità di 60 cm con un massimo di 75 per quelle più estese.


Sul primo ripiano si posizionano i contenitori delle piante che potranno essere livellati a quota con dei mattoni o pezzi di lastre di pavimentazione, in modo che le foglie siano a pelo d'acqua creando l'effetto di un vero bacino acquatico, dove potremo dar vita a varie specie di piante adatte a questi ambienti. Inoltre è sempre consigliato realizzare un “canale del troppopieno”. Sotto le pietre potremo sistemare il canale del troppopieno che permette all'acqua in eccesso di defluire. Questo canale potrà essere usato anche per l'attraversamento di un cavo elettrico per alimentare la pompa di sollevamento e le lampade di illuminazione della vasca. Infine possiamo realizzare dei camminamenti con lastre di pietra posate su blocchi di calcestruzzo annegati nella vasca.

Condividi e stampa

OK

Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Informativa